Lo spot tedesco per il risparmio energetico. Fate l’amore al buio

lo spot

La pubblicitá per il risparmio energetico, ha imbarazzato i tedeschi.

Lo spot si intitola «Erwischt Meine Eltern #ziek» traduzione «ho beccato I miei genitori». Ziek è l’acronimo di Zusammen ist es Klimaschutz, il nome della campagna che il ministero federale dell’ambiente ha lanciato per la protezione del clima. Lo spot è stato realizzato per sensibilizzare i tedeschi sul risparmio energetico. Non c’è bisogno di parlare tedesco per vederlo: il film è muto. Lo slogan finale recita «Il mondo dice grazie. Se si utilizzasse il 5% di corrente in meno nelle case tedesche si potrebbe fare a meno di una centrale a carbone».

 Sono state tante le polemiche nate intorno allo spot che è stato finanziato dal Ministero federale dell’ambiente. Di certo non manca però il successo, infatti il video ha raggiunto tantissime visualizzazioni in questi anni. Il video é stato pubblicato nel 2014 e inizialmente aveva imbarazzato i tedeschi.

Il video é breve, divertente guardarlo. Sicuramente non adatto ai minori.

 

Banner Scuola Schule

 Immagine di copertina: © Youtube

3 Responses to “Lo spot tedesco per il risparmio energetico. Fate l’amore al buio”

  1. dario

    non vedo nulla di cosi scandaloso.. ok si capisce cosa fanno.. ma se pensiamo che in tv trasmettono autentiche scene di sesso.. con tanto di visione di uomini e donne senza vestiti.. dico che fare polemica per un video simile.. non ha molto senso.. qualcuno può dire.. ok ma ci sono i bambini.. non credo che lo spot venga trasmesso a tutte le ore.. e non su tutti i canali .. siamo nel 2015..

    Rispondi
  2. MAGNETE | laghiandaia

    […] tutti parlano dello spot contro gli sprechi in cui i genitori fanno sesso in salotto e la figlia li sgama, io parlo del mio magnete di Sissi. Che no: non è un sex toy; e no: non apparteneva davvero a […]

    Rispondi
  3. Andrea52

    L´ho visto in tv a inizio settimana e l´ho trovato molto spiritoso-:)! Non riesco a capire onestamente il motivo di tante critiche,proprio qui in Germania…!

    Rispondi

Leave a Reply