Il Tacheles non è morto: a Berlino sorge un’officina artistica che ne raccoglie l’eredità

Dalla costola e fucina di idee del ben famoso ed ormai defunto centro artistico Tacheles, del quale tanto si è detto, si sono staccate alcune cellule e due instancabili ragazzi continuano a produrre il loro lavoro, perché quello che conta davvero per un artista è l’esigenza di esprimersi e raccontare attraverso le proprie opere.

Claudio e Kerta hanno trovato spazio all’interno di un progetto che ha il nobile intento di riqualificare e rivitalizzare un’area di Marzahn a dir poco desolata e desolante, tra enormi edifici fine DDR e nuove villette in costruzione modello Truman show; è in questo delirio visivo e architettonico che in una ex area industriale, destinata originariamente allo stoccaggio degli animali, nasce l’ambizioso progetto dell’Alte Börse, un’officina artistica che coniuga l’arte locale a una visione più internazionale.

Il vecchio Magerviehhof si è trasformato in un centro culturale grazie alla lungimiranza e alla tenacia di Herr P. Kenzelmann, che ha acquistato l’area intorno al vecchio mercato del bestiame, compresi gli edifici esistenti e abbandonati ed ha investito denaro ed energie con l’obiettivo di offrire al quartiere un nuovo polo culturale. Uno nuovo spazio per l’arte, per le sperimentazioni e per laboratori creativi sorge ora all’interno di strutture che sprigionano il classico fascino dei complessi produttivi, mattoni rossi e dettagli in ferro a memoria dell’originale funzione.

Il progetto converte le strutture che dopo il ‘45 erano state trasformate in Sperrgebiet (zona militare); le caserme, dove si possono ancora trovare le tracce del passaggio dei prigionieri, sono diventati studi artistici con il nome di “Kunstbaracken”, letteralmente ‘baracche artistiche’.

All’interno di questa comunità, la Kunstwerkstatt Marzahn trova spazio con le sue visioni di ferro e ruggine, androidi e navicelle che punteggiano il cortile, e l’atmosfera è davvero quella di una fucina, una galleria a cielo aperto ed un luogo di lavoro. La parola Werkstatt, officina, rende perfettamente l’idea.

La tenacia dei due ragazzi nel voler portare avanti le loro attività, li ha portati a prendere contatti con realtà locali di quartiere, entrando attivamente a far parte di una logica di rigenerazione urbana e coinvolgimento della comunità, che al momento a Marzahn è molto viva.

Rathaus Marzahn

L’attività dell’officina non è incentrata solo sulla parte creativa ma anche sulla condivisione dei saperi, con laboratori e corsi per insegnare a forgiare una scultura di metallo e utilizzare le macchine mediante tecniche differenti.

In collaborazione con il centro giovanile Betonia, è stato organizzato un laboratorio con i ragazzi del quartiere, coinvolgendoli in un progetto artistico per la realizzazione di un’opera che sarà poi esposta; così, imparando a saldare tubi e lastre di ferro, i giovani artisti hanno realizzato la loro prima scultura, una sorta di sagoma di edifici di diverse altezze, che rappresenta la loro visione di Marzahn.

Il Rathaus di Marzahn, peraltro interessante esempio di architettura DDR, ha ospitato le sculture di Claudio e Kerta in una mostra collettiva dal titolo Kostbarkeiten III.

Inoltre, l’artista Claudio Greco, grossetano d’origine, ha preso contatti con la sua terra e con Kerta, aprendo le porte del laboratorio al progetto FUORI. Il bando promosso da Fondazione Grosseto Cultura varca i confini dell’Italia ed offre ad uno dei partecipanti al concorso per artisti under 35 una residenza d’artista all’interno della Kunstwerkstatt, questo per dare la possibilità ad artisti provenienti da realtà diverse di condividere il proprio lavoro e le proprie conoscenze, all’interno di uno spazio completamente libero e dedicato solo alla produzione artistica.

La Kunstwerkstatt è esempio di una riuscita collaborazione non solo con le realtà di quartiere, ma anche con progetti internazionali con un unico fine creativo comune.

Kunstwerkstatt Marzahn

 

Indirizzo: Beilsteiner Straße 51 | 12681 Berlin

Foto © M. Avanzi

ricerche a cura di: Z.Munizza, responsabile del progetto Berlino Explorer che organizza periodicamente esplorazioni urbane e guide tematiche alla città. Questa Domenica, 25 Gennaio percorso alla scoperta di Marzahn, per informazioni scrivere a z.munizza@berlino-explorer.com

 

 

 

 

Related Posts

  • 51
    Nel distretto di Marzhan-Hellersdorf, l'anonimità delle scatole di cemento senza soluzione di continuità si fonde ad esistenze precarie, problemi sociali e alti tassi di disoccupazione. Si tratta della più grande area residenziale di Berlino nonché del quartiere più giovane, che ha da poco compiuto 30 anni. Marzhan è nato infatti alla…
    Tags: si, in, marzahn, quartiere, è, i, per, ed, centro, dei
  • 44
    Siete in procinto di passare una vacanza a Berlino? Vi ci state per trasferire? Già ci vivete, ma ancora non avete chiaro cosa è bene e cosa non è bene fare? Ecco la lista delle 10 cose da non fare a Berlino 10-Non guidare all’italiana. La macchina qui è inutile,…
    Tags: non, è, si, per, in, i
  • 42
    10-Non guidare all’italiana. La macchina qui è inutile, o quasi, ma se ve la portate dietro cercate di imparare in fretta che all’interno dei quartieri il limite è 30km orari, sulle strade un po’ più ad alta percorrenza è 50, che non si può sbagliare coda al semaforo e se…
    Tags: non, è, si, per, in, i
  • 39
    È alle porte la Giornata Internazionale dei Musei, l'evento ideale per esplorare i musei di Berlino in una chiave diversa dal solito. Si terrà domenica 21 maggio la 40esima edizione della Giornata Internazionale dei Musei organizzata in tutto il mondo dall'ICOM (International Council of Museum) con l'obiettivo di combattere l'idea per…
    Tags: in, è, dei, per, i, arte
  • 38
    di Renato Indrio Cosa rende Berlino il posto dei sogni di tanti, per non dire il paese della cuccagna? Durerà? Non durerà? Per ora,comunque, le possibilità ci sono, e vanno prese al volo. La prima volta che sono stato ad Amsterdam, per puro scrupolo morale, ho fatto un tour gratuito…
    Tags: in, è, non, i, per, l, si, dei, arte

Zuleika Munizza

Zuleika Munizza responsabile del progetto di ricerca Berlino Explorer, presenta e racconta Berlino attraverso la sua storia e le sue trasformazioni, da un punto di vista architettonico e sociale.

Leave a Reply