Parigi, lo specchio rotto e il coraggio di essere uomini per le strade del mondo

Stanotte entrando in casa ho visto lo specchio del mio soggiorno a terra. Evidentemente è caduto dal muro perché il filo che lo reggeva si è rotto. Non si è frantumato, solo ammaccato lateralmente, per il resto è rimasto intero. Forse anche lui come me è rimasto scioccato delle notizie provenienti da Parigi.

Oggi, come anche nel giorno successivo alla strage di Charlie Hebdo, la mia mente non riesce a non fare un paragone con Berlino. Succederà anche qui?, mi chiedo. Ovviamente a domande del genere non c´è risposta. Penso all’insensata casualità dell’orrore, che colpisce innocenti. Penso ai miei genitori che vivono in campagna e che sussultano ogni volta che succede qualcosa del genere. Avverto la loro preoccupazione mascherata dai sorrisi che mi regalano come a farmi coraggio.

Il coraggio. È la dote che ognuno di noi ha cercato quel giorno in cui ha fatto la valigia e ha scelto di vivere lontano da casa, magari qui a Berlino. É la cosa più preziosa che un emigrante porta con sè quando parte. In quel momento e in tutti gli altri a venire, ti rimane appiccicato addosso e cresce, anche quando perdi tutto il resto magari proprio su un barcone.

Guardo la grossa busta piena di vestiti che c’è li nell’angolo; la devo portare al centro che la smisterà e la distribuirà a sua volta ai profughi siriani. Penso al percorso che li ha condotti fino a qui, al mare o alla terra che hanno dovuto attraversare e a quello che è successo ieri sera a Parigi. In Siria (e in tanti altri posti del mondo) succede ogni giorno ormai da anni. Un ottimo motivo per lasciare la propria terra. E questa decisione è spesso ponderata e sofferta.

Anch’io in fondo sono un’emigrante come loro e ho scelto di fermarmi (per un po’) a Berlino; vivo insieme a persone che parlano un’altra lingua, pregano un altro Dio e mangiano cose diverse da quelle che mangio io, ma viviamo, per quanto possibile, nel rispetto reciproco. Certo, non sono scappata dalla guerra e non ho attraversato il mare su un barcone traballante, ma non cambia niente, il coraggio è sempre quello, è sacro e va rispettato.

Photo © PFN-Photo

Related Posts

  • 45
    Potrebbero essere le ultime parole famose, quelle che appena pubblicate vengono smentite dalla realtà dei fatti e, legittimamente, dileggiate da chiunque voglia fare triste sarcasmo, ma alla luce dei recenti fatti di cronaca accaduti in Germania e della conseguente preoccupazione di molti, vale la pena sottolinearlo: Berlino è una città sicura. Almeno…
    Tags: in, è, per, non, berlino, parigi, terrorismo
  • 43
    Quello che era solo un angoscioso presagio è diventato ora una tragica certezza: le tre berlinesi in gita a Nizza dichiarate scomparse dopo l'attacco sulla Promenade des Anglais dello scorso 14 luglio sono morte. Si tratta di due studentesse e di una professoressa della Paula-Fürst-Gesamtschule, istituto di Berlino in zona Charlottenburg. Lo ha annunciato…
    Tags: in, è, come, per, berlino, strage, terrorismo
  • 40
    La polizia di Berlino teme di aver arrestato l'uomo sbagliato. Lo riportano Die Welt e Die Zeit dopo le parole del capo della polizia di Berlino, Klaus Kandt. Le indicazioni fornite dal 23enne richiedente asilo pachistano, fermato dalle forze dell'ordine a due chilometri dal luogo della strage, sono state analizzate e sono ritenute veritiere.…
    Tags: berlino, non, in, è, per, attentato, strage, come
  • 39
    In Germania l'allarme terrorismo cresce. La giornata di giovedì 4 febbraio 2016 si è aperta con una retata, contemporaneamente a Berlino, nelle regioni di Nordrhein Westfalen e Niedersachsen, in cui circa 450 poliziotti e forze speciali hanno perquisito 4 abitazioni e 2 imprese per sventare un sospetto attentato terroristico di matrice…
    Tags: in, berlino, è, per, attentato, terrorismo, non
  • 39
    A Berlino nuova operazione delle forze anti-terrorismo, che oggi hanno arrestato un medico 33enne. Come comunicato in mattinata dal Landeskriminalamt (Ufficio federale di investigazione criminale) del Baden-Württemberg, si sospetta che l'uomo, originario di Mannheim, stesse collaborando alla preparazione di un grave attentato. I reparti speciali, come specificato dal Berliner Morgenpost, hanno perquisito…
    Tags: in, berlino, come, attentato, per, strage, terrorismo

La Biene

La Biene fa il miele con i fiori che trova intorno a lei. Vive a Berlino da abbastanza per poterla raccontare con affetto e ironia. Con il vivace ronzio dei suoi testi, vi aiuterá a capire meglio la storia di questa cittá, il suo passato pieno di fascino e le caratteristiche che la rendono unica.

Leave a Reply