Polizia di Berlino: «Arrestato l’uomo sbagliato, killer in fuga e armato»

La polizia di Berlino teme di aver arrestato l’uomo sbagliato. Lo riportano Die Welt Die Zeit dopo le parole del capo della polizia di Berlino, Klaus Kandt.

Le indicazioni fornite dal 23enne richiedente asilo pachistano, fermato dalle forze dell’ordine a due chilometri dal luogo della strage, sono state analizzate e sono ritenute veritiere. Durante l’interrogatorio il sospettato, arrivato in Germania nel dicembre 2015 e a Berlino nel febbraio 2016, aveva negato con forza di essere coinvolto nell’attentato. La polizia ha fatto sapere che l’autista polacco trovato morto sul sedile passeggeri è stato ucciso a colpi di arma da fuoco e coltellate, ma sul 23enne pachistano non sono state rinvenute tracce di sangue o di polvere da sparo. La procura di Stato non esclude ancora che il fermato possa essere un complice dell’operazione. Dal sistema satellitare del camion Scania è inoltre emerso che il veicolo sarebbe stato più volte acceso e spento nelle quattro ore precedenti l’attacco di Breitscheidplatz come se qualcuno stesse cercando di comprenderne il funzionamento.

Alla luce di queste nuove informazioni si verrebbe a creare uno scenario completamente diverso, con l’attentatore ancora a piede libero e armato. «Le forze speciali sono già state allertate e pronte a intervenire», spiega Kandt. Per la giornata di oggi le bandiere dei luoghi pubblici del Paese saranno a mezz’asta, la porta di Brandeburgo sarà illuminata alle 18:00 dai colori tedeschi e cittadini e tutti i mercatini di Natale di Berlino resteranno chiusi in segno di lutto, ma nei prossimi giorni saranno nuovamente riaperti e la città non rinuncerà alla tradizionale festa di San Silvestro a Brandenburger Tor. Sarà però necessario rivedere completamente il piano sicurezza che era stato in precedenza approntato.

Nel frattempo, secondo il ministro degli Interni Thomas de Maizière non ci sono più dubbi che quello di ieri sera sia stato un «brutale attentato», che al momento ha mietuto 12 morti (camionista polacco compreso) e 48 feriti, di cui 18 gravi. Non ci sono però ancora certezze sulla matrice terroristica del gesto. Solo, secondo Die Welt, indizi indiretti.

 

Related Posts

  • La polizia ha fermato un uomo sospettato di essere il pilota del camion che ha investito decine di persone oggi al mercatino di Breitscheidplatz a Berlino Secondo le prime indiscrezioni l'uomo fermato sarebbe polacco. Una seconda persona presente all'interno del veicolo al momento dell'impatto sarebbe morta al momento dell'impatto. Una terza…
  • A due giorni dall'attacco che ha colpito Berlino la sera di lunedì 19 dicembre, le forze dell'ordine sono sulle tracce di un nuovo sospettato. Il bilancio delle vittime rimane fermo a 12. Disperse l'italiana Fabrizia Di Lorenzo e apparentemente una donna di nazionalità israeliana. Dall'autopsia effettuata sul corpo dell'autista polacco…
  • La sera del 19 dicembre Naveed Baloch stava attraversando la strada nel centro di Berlino quando è stato fermato da una volante della polizia alla frenetica ricerca dell'attentatore di Breitscheidplatz. Da quel momento, per il 24enne pachistano arrestato per sbaglio, è cominciato un autentico incubo. Come ha raccontato in una lunga intervista…
  • Secondo informazioni della rbb, il 24enne tunisino Anis Amri, sospettato di essere l'esecutore dell'attentato di Breitscheidplatz, sarebbe stato ripreso da una videocamera poche ore dopo l'attacco nel quartiere berlinese di Moabit nei pressi di una moschea. La stessa moschea è stata perquisita stamattina dalla polizia e già definita da altri ambienti islamici della capitale…
  • Due le persone all'interno del camion. Una, polacca, è stata trovata morta all'interno dell'abitacolo. L'altra, fuggita e poi arrestata, sarebbe secondo il quotidiano tedesco die Welt un 23enne richiedente asilo arrivato in Germania a febbraio e di nazionalità pachistana. La polizia sta eseguendo un raid presso l'ex aeroporto di Tempelhof,…

Leave a Reply