Roaming, addio: dal 2017 si telefonerà e navigherà in tutta l’UE senza costi aggiuntivi

È ufficiale: i 28 Paesi membri dell’Unione Europea hanno approvato Roam like at Home, la norma che abolisce il roaming internazionale. Da giugno prossimo telefonare e navigare quando si viaggia all’estero in uno Stato Ue non comporterà costi aggiuntivi.

L’accordo, già raggiunto il 30 giugno 2015, prende ora sempre più forma: dal 15 giugno 2017 si potrà telefonare, navigare e inviare messaggi alle stesse tariffe nazionali previste dal proprio gestore di telefonia mobile. Il roaming internazionale, vale a dire le tariffe aggiuntive che attualmente si pagano utilizzando il proprio telefono all’estero, sarà insomma abolito.

I limiti

Attenzione, però: il provvedimento è pensato fondamentalmente per chi va in vacanza o per chi viaggia spesso per lavoro nei Paesi UE. Non sarà dunque possibile stipulare un contratto in uno Stato – magari perché più vantaggioso – e utilizzarlo a tempo indeterminato in un altro dove si vive stabilmente. Lo ha chiarito la Commissione Europea in una conferenza stampa dello scorso 8 dicembre, spiegando che si tratta di un limite volto a proteggere le aziende dalla concorrenza sleale e i consumatori da aumenti di prezzi compensativi. Molti dettagli tecnici dovranno ancora essere chiariti tra UE e gestori telefonici, ma la Commissione si è detta «determinata a far funzionare bene l’abolizione del roaming da subito».

Come funzionerà

In un pdf scaricabile la Commissione fa anche alcuni esempi concreti su come funzioneranno le cose dopo il 15 giugno 2017: nei contratti le compagnie saranno tenute a inserire l’opzione Roam like at Home. Chi viaggia all’interno dell’UE usufruirà del proprio piano tariffario senza costi aggiuntivi, ma non sarà ammesso il roaming permanente. Se, dopo quattro mesi, un operatore dovesse accorgersi che il cliente ha consumato più traffico telefonico all’estero che nel proprio Paese d’origine, può inviargli un messaggio di avvertimento. Il cliente sarà allora tenuto a spiegare la situazione o a modificare i suoi consumi, pena la riattivazione dei costi di roaming internazionale, definiti «molto piccoli» nella brochure.

Banner Scuola Schule

Foto di copertina: VOICEMAIL © FaceMePLS CC BY 2.0

Related Posts

  • 10-Non guidare all’italiana. La macchina qui è inutile, o quasi, ma se ve la portate dietro cercate di imparare in fretta che all’interno dei quartieri il limite è 30km orari, sulle strade un po’ più ad alta percorrenza è 50, che non si può sbagliare coda al semaforo e se…
  • Siete in procinto di passare una vacanza a Berlino? Vi ci state per trasferire? Già ci vivete, ma ancora non avete chiaro cosa è bene e cosa non è bene fare? Ecco la lista delle 10 cose da non fare a Berlino 10-Non guidare all’italiana. La macchina qui è inutile,…
  • Stop al Roaming. La notizia è diventata ufficiale il 30 giugno scorso. Dal 15 giugno 2017 l'utilizzo del proprio contratto telefonico all'estero, se all'interno dell'Unione Europea, non avrà nessun costo aggiuntivo. Flat rate per chiamate, messaggi o per l'utilizzo di internet rimarranno funzionanti senza l'attivazione di opzioni o con il rischio…
  • E' vero, non bisogna mai generalizzare. Ma è altrettanto vero che, quando torniamo in Italia dopo aver vissuto in Germania per un po', non possiamo fare a meno di notare delle differenze. Di solito si tratta di quei comportamenti così tipicamente italiani che quasi ce li eravamo dimenticati durante il soggiorno…
  • La fregatura più grande dei social network (o meglio, una delle tante fregature) è la possibilità che chiunque possa commentare qualsiasi cosa quasi totalmente impunito perché protetto da uno schermo che lo rende anonimo, almeno apparentemente. Certo, l'idea di totale libertà di espressione alla base di internet è di per…

Leave a Reply