Startup Safary, la due giorni per scoprire tutti i segreti delle start-up di Berlino

Come si sviluppa una app? Come si crea un marchio? Quali sono i lati negativi del lavoro in una start-up? Questi e molti altri i temi che verranno affrontati giovedì 13 e venerdì 14 ottobre a Berlino in occasione di Startup Safary, evento che darà a tutti gli interessati la possibilità di esplorare l’immenso panorama delle start-up berlinesi da una posizione privilegiata. L’evento si svolge da stamattina in varie location, disseminate per tutta la città: le aziende partecipanti apriranno le loro porte al pubblico per mostrare chi sono, come funziona il loro lavoro, di cosa si occupano esattamente. L’obiettivo dell’evento è dare l’opportunità di comprendere meglio l’ecosistema delle start-up a Berlino, ed è quindi u’occasione da non perdere per gli investitori, per i semplici curiosi e per gli aspiranti startupper.

Cos’è una start-up. In inglese start up significa “avviare”. In economia con il termine start-up si identifica un’impresa con una forma di organizzazione flessibile. Da qualche anno questa parola si è fatta prepotentemente largo nelle nostre vite: sulla scia delle esperienze americane della Silicon Valley e di New York, sono sempre di più i giovani che decidono di non aspettare di trovare un lavoro ma di crearselo da soli con l’idea giusta.

Scoprire le start-up berlinesi. Uno dei luoghi in cui si parla tanto di start-up è proprio Berlino. Nella capitale tedesca ne sono nate tantissime, attirando giovani imprenditori, creativi e investitori pronti a finanziare i progetti dei nuovi Mark Zuckerberg e Steve Jobs. Tra le start-up berlinesi, alcune hanno avuto molto successo realizzando fatturati da capogiro in pochi anni: Soundcloud, Zalando, ResearchGate, Hellofresh, Number26, Lieferando solo alcune delle più famose. Ma l’elenco sarebbe in realtà molto più lungo.

13895173_1580197788941680_4649834327583124864_n

 

Startup Safary

Quando: Dal 13 al 14 ottobre 2016

Dove: varie location, le trovate qui insieme al programma

Biglietti: Da 39 a 350 euro

Sito internet

banner3okok-1-1024x107 (1)

Related Posts

  • Il Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale (MAECI), insieme all'Associazione Italiana degli Incubatori Universitari e delle Business Plan Competition Locali (PNICube), sancisce un bando per startupper italiani all'estero che si siano saputi distinguere per il loro lavoro innovativo. Il Premio, denominato “L’innovazione che parla italiano”, si rivolge a fondatori di Start-up…
  • “Don’t work for assholes”: è questo lo slogan della Lange Nacht der Startups 2016, il più grande evento europeo dedicato alle startup che da quattro anni ha luogo nella capitale tedesca. Quest’anno l’evento ospiterà ben 210 startup e 4000 ospiti che durante i tre giorni, dal 3 al 5 di settembre, avranno…
  • Lavorate o avete lavorato anche voi in una startup a Berlino? Se la vostra risposta é affermativa, senza dubbio vi riconoscete in almeno un paio di questi punti! Se invece per voi le startup sono un mondo totalmente sconosciuto, ecco una finestra su un fenomeno con cui berlinesi di vecchia…
  • Ogni venti minuti nasce a Berlino una nuova startup. A sostenerlo è uno studio dell'agenzia svizzera di consulenza aziendale Gründen,  Il dato conferma la città come meta internazionale per chi vuole trasformarsi in imprenditore. È così già da alcuni anni, di Berlino capitale delle startup si parla ormai da parecchio. Burocrazia semplice, bassi…
  • Flat hierarchies, frutta fresca, caffè e bevande energetiche, non è la lista della spesa per una festa nerd a base di World of Warcraft, si tratta del classico contenuto degli annunci di lavoro delle startup, se vivi a Berlino e non sei tedesco c’è una altissima possibilità che tu sia…

Ilaria Porru

Classe 1993, sarda. E’ laureata in Lingue e Comunicazioni presso l’Università degli Studi di Cagliari. Viaggiatrice per natura, durante il suo corso di studi ha incontrato la Turchia, Paese che le ruba il cuore e da cui non riesce più a separarsi.

Leave a Reply