Intervista a Taylor Momsen, leader dei The Pretty Reckless in concerto oggi a Berlino e domani a Milano

Stasera i The Pretty Reckless sono in concerto al Lido (Curvystrasse 7 – Kreuzberg) di Berlino, domani saranno ai Magazzini Generali di Milano per presentare il loro secondo album, Going To Hell. Una settimana fa ho intervistato la leader del gruppo, Taylor Momsen, per un pezzo su Repubblica (potete leggerlo qui). Lei è stata per quattro stagioni una delle protagoniste della serie Gossip Girl prima di dedicarsi unicamente alla musica. Prima ancora, da piccolissima (ha debuttato nello show business a 3 anni) era stata in pubblicità e serie tv. Una storia analoga a quella di tante altre bambine cresciute facendo un po’ di tutto in tv fino a che non hanno avuto bisogno di reinventare la propria immagine e smarcarsi da quell’idea di brava ragazza che il pubblico si è fatto di lei.

Schermata 03-2456744 alle 09.25.48

Non so dire se il look da ragazza dark e provocatoria della Momsen (nella cover dell’album Going to hell appare nuda di spalle con una freccia che indica verso le parti basse) sia sincero o no. Certo, lei già da cinque anni, ovvero da quando ne ha 15, incide dischi con la sua band (costruita comunque a tavolino), ma ormai gli agenti di queste baby star riescono a pianificare da lontano…Parlando con la Momsen ho avuto l’impressione della ragazza molto attenta a dire solo quel tanto che basta per farla apparire “cattiva”, senza però scoprirsi troppo. Risposte breve, coincise, desiderio di “parlare solo di musica”, anche se poi qualche frase al vetriolo alla sua nemesi Miley Cyrus (anche lei uscita dalla tv e ora star della musica, ps: all’epoca anche la Momsen si presentò per ottenere la parte di Hannah Montana, ma la scartarono proprio a favore della Cyrus). Stasera ha affermato che non si spoglierà sul palco e non lo farà neanche domani a Milano. “Ho voglia di cambiare”. In passato non è che si spogliasse mai completamente, ma giocava molto su scollature e trasparenze e tanto era bastato, assieme a testi del tipo “papà, io vado all’inferno” per farla apparire cattiva, cattiva. Vedremo se è davvero così o se è tutto un gioco. Magari riuscito, per carità, ma un gioco.

The Pretty Reckless 

CONCERTO DI BERLINO

Lido – Cuvrystrasse 7

ore 21.00

CONCERTO DI MILANO

Magazzini Generali

ore 20.00

 

Related Posts

  • Il nome di questo mese, “marzo”, deriva dal dio romano Marte, dio della guerra, poiché era il periodo in cui in genere iniziavano le guerre. Non c’è stata guerra, o impresa militare, di qualsiasi nazione, che non abbia visto fiorire, fra i lutti e le macerie, i suoi canti militari…
  • È sempre un'emozione andare ad un concerto, eppure può succedere di non potere godere al massimo dell'esperienza quando qualcuno che hai intorno in qualche modo rovina l'atmosfera. Chi? Ecco quindi la lista dei 10 tipi di persone che possono rovinarvi un concerto 10  – Lo spilungone Pensate di aver preso un…
  • Sono poche le band italiane contemporanee capaci di essere riconosciute, seppur come fenomeno di nicchia, a livello internazionale. Ci sono riusciti in più di vent'anni di attività (il loro primo concerto risale al 1994) i Julie's Haircut, esponenti di spicco della scena rock progressive e psichedelico che al loro attivo, oltre a…
  • Che vita di merda Ma che cosa c'entra il bon ton? Ho riso per forza ho rischiato di dormirti addosso Str****, tanti auguri ma non ti conosco È questo il ritornello di Alfonso, ad oggi la canzone più famosa di Levante, cantautrice ventisettenne siciliana (ma da anni a Torino) che…
  • Il 13 ottobre a Parigi, il giorno dopo a Zagabira, poi Budapest, Vienna, Friburgo ed infine Berlino, il 19 ottobre, tappa intermedia di un tour europeo che terminerà il 25 novembre a Bratislava dopo aver toccato anche Colonia (il 21 ottobre), Amsterdam, Istanbul, Londra e Mosca. La più celebre e…

Andrea D'Addio - Direttore

A Berlino dal 2009, nel 2010 ha fondato Berlino Cacio e Pepe prima il blog, dopo il magazine. Collabora anche con Wired, Il Fatto Quotidiano, Repubblica, Io Donna, Tu Style e Panorama scrivendo di politica, economia e cultura, e segue ogni anno da inviato i maggiori festival del cinema di tutto il mondo.

Leave a Reply