Un tedesco su sei lotta contro la povertà. Ecco i dati dello Statistische Bundesamt.

Tasso di disoccupazione bassissimo, standard di vita elevati, solida economia: ecco la Germania che conosciamo. Eppure, a leggere i dati resi note dallo Statistische Bundesamt, l’ufficio federale di statistica tedesco, si scopre una realtà decisamente diversa rispetto a quanto ci si immagina per la “locomotiva d’Europa”.

Una persona su sei in Germania è a rischio povertà, particolarmente colpite le donne, le famiglie monoparentali e i single. 13 milioni di persone nel 2013 hanno vissuto sulla soglia dell’indigenza, un 16,1% che rimane invariato rispetto al 2012 nonostante le condizioni favorevoli del mercato del lavoro. Nel 2008 lo stesso dato si fermava al 15,2%, dimostrando come nel corso degli anni il rischio povertà sia aumentato.

Secondo i parametri fissati, viene considerato “povero” in Germania un individuo il cui reddito mensile sia inferiore ai 979 Euro, mentre nel caso di una famiglia con due figli sotto i 14 anni la cifra ammonta a 2.056 Euro al mese.

In pratica, chi ha un reddito mensile inferiore al 60% di quello medio della popolazione, in Germania viene considerato a rischio povertà. Un’eventualità che diventa più probabile per le donne; tra i 17 e i 64 anni è quasi il 18% a trovarsi a rischio indigenza, contro il 16% degli uomini nella stessa fascia d’età. Per i nuclei familiari composti da figli e da un solo genitore la percentuale sale al 35,2%, mentre per chi vive da solo il dato è del 31,9%.

Più dei due terzi dei disoccupati, il 69,3%, si trova sull’orlo della povertà, contro l’8,6% degli occupati.

Il 5,2% ammette di non riscaldare a sufficienza il proprio appartamento a causa delle ristrettezze economiche, mentre l’8,8% non riesce a consumare un pasto completo neanche una volta ogni due giorni.

Nonostante questo quadro, gli ultimissimi dati in tema di disoccupazione, riportati dal settimanale Die Zeit, raccontano di un numero di disoccupati in Germania che nel mese di ottobre sarebbe sceso al suo livello più basso da tre anni. Sono 75.000 in meno i disoccupati iscritti alla Bundesagentur für die Arbeit rispetto al mese precedente e 68.000 in meno rispetto all’anno passato.

Foto © kohlmann.sascha CC BY-SA 2.0

Related Posts

  • Nel 2014 a Berlino il 56% dei nuovi emigrati dall'Italia sono state donne. Per la prima volta sono più le donne italiane a cercare una nuova vita a Berlino che gli uomini. Ci siamo chiesti quanto questo fosse uno scenario inedito e lo abbiamo chiesto a Lisa Mazzi, in occasione della presentazione del…
  • Lievi segnali di ripresa, ma l’economia tedesca è meno solida di quanto possa sembrare ed un sesto dei cittadini lotta con la povertà. I dati che provengono dalla Germania non sono dei più positivi. Secondo la Reuters, il terzo trimestre ha visto una crescita del Pil del solo 0,1%, sicuramente…
  • Siete in procinto di passare una vacanza a Berlino? Vi ci state per trasferire? Già ci vivete, ma ancora non avete chiaro cosa è bene e cosa non è bene fare? Ecco la lista delle 10 cose da non fare a Berlino 10-Non guidare all’italiana. La macchina qui è inutile,…
  • Non serve conoscere il tedesco né essere un genio in matematica per interpretare il grafico di Statista sul tasso di disoccupazione in Germania alla fine del 2014, diviso per stati federali (16 in tutto). Berlino, purtroppo, è alla fine della classifica, con un tasso di disoccupazione pari al 10,5%, superata solo…
  • In Europa la Germania si distingue per il suo funzionale modello di stato sociale, spesso preso ad esempio da altre nazioni dell'UE, l’Italia in primo luogo. Nonostante una crescita economica costante ed uno dei più bassi tassi di disoccupazione di sempre, da qualche anno a questa parte il sistema di efficiente welfare…

Sara Comparato

Amante del mare, di Berlino e delle contraddizioni in generale, approda nel 2008 nella capitale tedesca. Terminata l'università ha lavorato nel settore degli eventi e del marketing, oggi gestisce contenuti e clienti per un'agenzia berlinese. Dopo Cristina D'Avena ha iniziato a esaltarsi con Guns N' Roses & co. e da allora non ha più smesso.

Leave a Reply