Un film tedesco racconta gli ebrei rimasti in Germania dopo l’Olocausto

Es war einmal in Deutschland… (tradotto C’era una volta in Germania…), nuovo film del regista belga Sam Garbarski, presentato in anteprima mondiale alla 67esima edizione del Festival del cinema di Berlino, sceglie di parlare dell’Olocausto da un punto di vista inedito: quello degli ebrei sopravvissuti alla Shoah e rimasti in Germania dopo la fine della Seconda guerra mondiale.

La trama

Tratto dai romanzi dell’autore svizzero-tedesco Michel Bergmann, il film di Garbarski narra le vicende di un gruppo di amici ebrei che, sopravvissuti all’Olocausto, tentano di ricostruirsi una vita nella Francoforte del 1946. Unico superstite della famiglia, David Bermann (Moritz Bleibtreu) tenta di riprendere l’attività di cui si occupava insieme a genitori e fratelli prima che scoppiasse la guerra, ovvero il commercio di biancheria. Per farlo David mette insieme una squadra di amici che addestrerà alle strategie della vendita e con cui inizierà ad andare di casa in casa per rifilare i propri prodotti a ingenui acquirenti tedeschi, resi più vulnerabili dal senso di colpa. Parallelamente David deve fare i conti con le indagini cui l’agente statunitense Sara Simon sottopone il suo passato da detenuto in un campo di concentramento: grazie al suo talento nel raccontare barzellette, David aveva infatti ottenuto lo status di “detenuto speciale” e con esso la mansione di intrattenere gli ufficiali SS del lager. Ora è accusato di collaborazione con i nazisti.

La storia degli ebrei sopravvissuti all’Olocausto e rimasti in Germania

Con Es war einmal in Deutschland…, Garbarski sceglie di narrare un capitolo della storia tedesca strettamente legato all’Olocausto, ma molto meno conosciuto e trattato nella letteratura e nel cinema: si tratta del periodo storico immediatamente successivo alla Seconda guerra mondiale, quando gli ebrei sopravvissuti alla Shoah dovettero decidere cosa fare delle propria vita, in particolare decidere se rimanere in Germania o lasciarla per sempre. I più lasciarono il suolo tedesco, chi per gli Stati Uniti, chi per la Palestina. Soltanto 4.000 ebrei (come dice il film stesso sul finale) rimasero. «Di questi nessuno seppe mai spiegare il perché della propria scelta» conclude il film di Garbarski. Per gli ebrei sopravvissuti e rimasti in Germania dopo la fine della guerra, l’argomento nazismo rimase a lungo un tabù e con questo anche le motivazioni legate alla scelta di rimanere nel Paese che una volta era stata la patria e poi si era trasformata nella terra della carneficina. Nel film di Garbarski non mancano riferimenti all’Olocausto in senso stretto: i personaggi devono fare i conti con una memoria traumatica che li assale improvvisamente mentre ascoltano una canzone, vedono un volto noto oppure vengono sottoposti a incalzanti interrogatori. Come espediente per fare fronte al trauma e dunque per sopravvivere, il film propone l’umorismo: il ruolo di intrattenitore delle SS ricoperto da David è emblematico di una strategia di rimozione e “manipolazione” della drammatica realtà attraverso l’ironia. Un altro importante nodo tematico del film è rappresentato dal duplice senso di colpa, sia da parte degli ebrei sopravvissuti alla Shoah nei confronti degli altri ebrei deceduti nei campi, sia da parte dei tedeschi nel relazionarsi agli ebrei nell’immediato dopoguerra, ma anche, per associazione, nel rapportarsi all’Olocausto oggigiorno.

Banner Scuola Schule

SEGUI TUTTE LE NEWS SU BERLINO, SEGUI BERLINO MAGAZINE SU FACEBOOK

Foto di copertina: Es war einmal in Deutschland… | Bye Bye Germany Berlinale Special 2017 – DEU/LUX/BEL 2017 – von: Sam Garbarski – Hans Löw, Pál Mácsai, Jeanne Werne, Mark Ivanir, Moritz Bleibtreu, Antje Traue, Tania Garbarski, Tim Seyfi, Anatole Taubman © 2017 – IGC Films – Fabrizio Maltese

Related Posts

  • L'adattamento cinematografico del romanzo The Dinner dell'autore olandese Herman Koch, diretto dal regista israeliano Oren Moverman, festeggia la première mondiale alla 67. edizione del Festival del cinema di Berlino. La trama Già adattato fra gli altri dall'italiano Ivano De Matteo (I nostri ragazzi), il romanzo di Koch fornisce ottimo materiale…
  • Ad inaugurare la 67esima edizione del Festival del cinema di Berlino è la première mondiale del film francese Django, debutto registico del già noto produttore cinematografico Étienne Comar (Timbuktu, Le donne del 6° piano), interpretato fra gli altri da Reda Kateb (Zero dark thirty, Il profeta) e Cécile de France…
  • Dal 9 al 19 febbraio avrà vita la 67esima edizione della Berlinale. Ecco 10 cose da sapere per godersi al massimo quello che è uno dei più importanti festival del cinema al mondo. 1-I BIGLIETTI, DOVE E COME COMPRARLI Si possono comprare con un anticipo massimo di tre giorni per i…
  • Orso d'oro alla carriera per l'italiana Milena Canonero, una delle più affermate costumiste di cinema e teatro dei nostri tempi. Fra le sue realizzazioni ricordiamo i costumi di Arancia meccanica e The Grand Budapest Hotel. Alla conferenza stampa di apertura del 31 gennaio 2017, il direttore della Berlinale Dieter Kosslick ha annunciato la…
  • La sezione dei film in concorso alla Berlinale 2017 è completa. Annunciati i 18 film che correranno per l'Orso d'oro nella 67esima edizione del Festival del cinema di Berlino dal 9 al 19 febbraio 2017. Venerdì 20 gennaio i Berliner Festspiele hanno reso noti gli ultimi titoli che vanno a…

Gloria Reményi

Italiana per parte di mamma, ungherese per parte di papà, mi piace definirmi 50/50 a tutti gli effetti. Il mio anno di nascita – il 1989 – ha probabilmente deciso il mio destino berlinese. Mi sono trasferita a Berlino nel 2012 per conseguire la laurea magistrale in "Culture dell'Europa centrale e orientale" e ci sono rimasta. Amo la letteratura, da accanita lettrice e aspirante scrittrice.

One Response to “Un film tedesco racconta gli ebrei rimasti in Germania dopo l’Olocausto”

  1. Web Hosting

    Questo aspetto nascosto della storia militare ha ispirato numerose ricerche tra cui quella di Ohler. Il libro dello storico tedesco racconta come l uso e l abuso di droghe, soprattutto metanfetamine, fosse popolare durante il Nazismo.

    Rispondi

Leave a Reply