Carlo Loiudice, Elettra De Salvo e Nora Cavaccini: a Berlino arrivano i Grilli per la testa

Dal libro al teatro. Tutto made in Berlin, seppure autrice, regista ed interprete siano italiani. Dal 25 al al 27 settembre 2015 torna dopo la prima serie di rappresentazioni del dicembre 2014 Grillen im Kopf (traduzione Grilli per la testa) spettacolo ispirato al libro L’Orologio è Rotto della scrittrice Nora Cavaccini (edizioni Caratteri Mobili) portato sul palco dalla regista Elettra De Salvo ed interpretato da Carlo Loiudice. “La storia è quella di un artista che ha deciso di estirpare i propri grilli dalla testa tramite un’operazione chirurgica. I grilli rappresentano il suo talento  ed il loro continuo frinire lo distolgono dal suo desiderio di vivere una vita normale. Del resto essere artisti oggi o poter vivere del proprio talento è sempre più difficile in un mondo concentrato a produrre” ci racconta Loiudice, a Berlino da maggio 2010, già protagonista lo scorso marzo del bellissimo spettacolo I Corteggiatori (ne parlammo qui). 

HEADER SCUOLA DI TEDESCO

La genesi di L’Orlogio è rotto. “Nora Cavaccini è una nostra amica e sia io che Elettra De Salvo siamo rimasti colpiti dal racconto appena ce lo ha fatto leggere, prima ancora che fosse pubblicato ufficialmente. Pensavamo fosse dell’ottimo materiale su cui lavorare, valeva tutto il nostro impegno e dedizione. Abbiamo così trovato sostegno ed interessamento da parte dell’Istituto Italiano di cultura di Berlino e abbiamo iniziato a lavorare sia sulla pubblicazione del libro che alla messa in scena del testo”.

Attori italiani a Berlino. “Personalmente è stato molto interessante lavorare con Elettra De Salvo. Io e lei rappresentiamo due due generazioni diverse di attori italiani a Berlino. Elettra è in Germania da 35 anni, ha recitato in diversi teatri tedeschi, ha vissuto prima a Francoforte e poi a Berlino . È stata nominata italiana dell’anno a Berlino nel 2014 per meriti professionali. Io sono qui da quattro anni dove fin da subito mi sono ricostruito un’identità professionale. Nonostante questa distanza temporale abbiamo trovato vari elementi in comune, per esempio il continuo e difficile confronto con la lingua. Ed è stato proprio questo a darci l’idea di trasformare questa difficoltà in una risorsa scenica. Usare i due idiomi non solo come effetto psicofisico del protagonista, ma anche come mezzo per raggiungere sia il pubblico tedesco che quello italiano. In futuro avremo anche una versione inglese-italiano dello spettacolo. I nostri grilli, a quanto pare, non volgiono smettere di frinire e noi li coccoliamo”.

Grillen im Kopf

spettacolo in italiano e tedesco

25, 26, 27 ottobre alle ore 20:00

presso la Ballhaus Ost (Pappelallee 15)

Costo 14,50 €

Acquista qui i biglietti online 

Illustrazione di copertina © Daniele Roccaro

EVENTO FACEBOOK

Related Posts

  • "Cosa significa essere in esilio a Berlino? Si fugge da ruoli o da regole del proprio paese o da una famiglia in cui non ci si riconosce? Oppure si pensa che la città - questa città - offra la possibiltà di realizzare i propri sogni ed obiettivi? Oppure, si è…
  • Marie, un’area gioco per i più piccoli e un’isola felice per le mamme nel cuore di Prenzlauer Berg "Ein Platz für die Marie" è un interessante, e riuscito, progetto di pianificazione partecipata realizzato nel Winsstraßenviertel, area residenziale di Prenzlauer Berg. Questo è un quartiere in cui, dopo la caduta del…
  • Sabato 29 novembre nuova messa in scena per Ödipus Stadt al Deutsches Theater di Berlino, in una rappresentazione straordinaria e toccante diretta da Stephan Kimmig e presentata in una nuova traduzione e con sottotitoli in lingua inglese. Le sventure abbatutesi sulla casa dei Labdacidi sono uno dei miti centrali dell'antichità…
  • "Berlin im Licht” - “Berlino nella luce”. Nell'ottobre del 1928 ebbe luogo nella capitale tedesca una delle più grandi campagne pubblicitarie mai fatte dall'industria dell'illuminazione. L'idea? Illuminare i palazzoni imponenti e le maestosità della Berlino imperiale di notte e sparpagliare per la città insegne al neon e pubblicità luminose. Un…
  • «Toni Servillo? È la prima ragione che mi spinge ogni tanto a tornare da Berlino in Italia, sono il suo fotografo di scena ogni volta che lavora a teatro. La mia seconda passione però è il vino, ed è per questo che sabato 29 Novembre inaugurerò una mia enoteca proprio…

Andrea D'Addio - Direttore

A Berlino dal 2009, nel 2010 ha fondato Berlino Cacio e Pepe prima il blog, dopo il magazine. Collabora anche con Wired, Il Fatto Quotidiano, Repubblica, Io Donna, Tu Style e Panorama scrivendo di politica, economia e cultura, e segue ogni anno da inviato i maggiori festival del cinema di tutto il mondo.

Leave a Reply