Berlino, il nuovo museo d’arte contemporanea è in un ex bunker a Kreuzberg

Berlino avrà presto un nuovo museo. Si chiama Feuerle Collection, è stato inaugurato il 29 aprile ed ospita varie opere d’arte e di design con un unico scopo: mostrare ciò che c’è di bello al mondo avvicinando epoche e stili di popoli lontani nel tempo e nello spazio con un particolare focus sull’arte contemporanea (tra cui Anish Kapoor, Zeng Fanzhi e James Lee Byars), a mobili e oggetti risalenti all’Impero cinese e all’arte del Sud-Est asiatico in generale spaziando dal II secolo avanti Cristo ai giorni nostri. Il vero filo rosso del dell’esposizione è però Désiré Feuerle, il collezionista che le ha raccolte negli anni e che è ora pronto a mostrarle al pubblico in tutto il suo splendore.

La location. Ci troviamo sull’Hallesches Ufer, zona Kreuzberg, in un ex bunker della seconda guerra mondiale all’epoca usato per tenere salvo il sistema delle comunicazioni recentemente ristrutturato dall’architetto inglese John Pawson (una soluzione simile a quella della Boros Collection). Al piano terra vi saranno mostre temporanee, al piano inferiore, nel seminterrato, la collezione permanente. La prima esposizione sarà  curata da DIS, magazine gestito dal collettivo di Lauren Boyle, Solomon Chase, Marco Roso e David Toro, curatori anche della Biennale di Berlino dal 4 Giugno al 18 settembre dedicata ad una visione  “internet-centrica” dell’arte. Per l’occasione la Feuerle Collection diventerà una delle location principali della manifestazione. 

Désiré Feuerle. È un collezionista e consulente di arte sia moderna rinnovata che contemporanea, nonché grand esperto di arte asiatica. Già in passato, a Colonia, tra il 1990 e il 1998, ebbe una propria galleria, the Feuerle Gallery. È considerato uno dei pionieri nell’idea di contrapporre opere d’arte contemporanea a manufatti antichi di epoche e culture completamente distanti. Berlino, in tal senso, non potrebbe essere il posto più giusto.

The Feuerle Collection

Hallesches Ufr 79

10963, Berlino (Kreuzberg)

visite su appuntamento fino a ottobre

poi orari da annunciare

apertura generale ad ottobre 2016

HEADER SCUOLA DI TEDESCO

Foto di copertina © Gilbert-McCarragher via John Pawson CC BY SA 2.0

Related Posts

  • Se pensate che ad abbattere il Muro di Berlino siano stati i cambiamenti geopolitici, la perestrojka e la distensione tra le due superpotenze di allora, vi sbagliate di grosso. Quantomeno nell’equazione state dimenticando un elemento che i tedeschi stessi ritengono fondamentale: David Hasselhoff. Esatto, stiamo parlando del riccioluto protagonista di Knight…
  • Il potenziale turistico del Muro di Berlino non è ancora scemato e mentre i suoi resti continuano a sgretolarsi, crescono, invece, i musei sulla sua storia come il Memoriale del Muro nella Bernauer Straße, il Museo a Checkpoint Charlie a cui va aggiunta la una mostra permanente, sempre a Check Point Charlie, il Mauer-Panorama di Asisi. Il nuovo si chiama Wall…
  • A Berlino presso il Museum Europäischer Kulturen - Museo delle culture europee, dal 30 maggio 2015 fino all'8 gennaio 2017 è allestita una bella mostra collettiva dedicata alle italo-berlinesi. Il nome dell'esposizione è Erfüllbare Träume? -Italienerinnen in Berlin (Sogni realizzabili? Italiane a Berlino) e tra le artiste vi è una giovanissima ragazza…
  • Un museo dedicato all'arte bandita da nazisti (prima) e comunisti (dopo) in Germania. È quello inaugurato lo scorso 8 dicembre a Solingen, ovest della Germania, alla presenza del presidente del Bundestag Norbert Lammert. Il nome è Zentrum für verfolgte Künste e, in realtà, conterrà anche opere perseguitate in altre parti del mondo e in…
  • Far conoscere e valorizzare gli artisti contemporanei italiani e stranieri più validi e di altissima qualità in Italia e all’estero coinvolgendo collezionisti, appassionati e turisti provenienti da tutto il mondo. È questo l'obiettivo di Dream Art, Capolavori dei Maestri del ‘900 e contemporanei, mostra internazionale di arti visive moderne che…

Giulia Mastrantoni

Laureata in inglese e francese, ama scrivere e viaggiare. Legge come se non ci fosse un domani e, non appena se ne presenta l'occasione, si butta a capofitto in nuove avventure. «Da grande» vuole non doversi mai chiedere: «E se?». Ha pubblicato i racconti "Misteri di una notte d'estate" per la Ed. Montag nel 2015 e "Veronica è mia" per la Panesi Edizioni nel 2016, sulla tematica della violenza psicologica e sessuale.

Leave a Reply