Ad un ragazzo tedesco hanno ritirato la patente 49 minuti dopo l’esame e la Germania ride di lui

Un diciottenne di Hemer difficilmente dimenticherà il giorno in cui ha preso la patente

Sicuramente ognuno di noi ha un interessante aneddoto sul giorno in cui ha sostenuto il tanto atteso e temuto esame di guida. Molti, anche a distanza di anni, sono divertenti da raccontare. C’è chi ha trovato un esaminatore troppo severo, chi uno forse troppo gentile, chi lo ha superato alla prima, chi invece ha dovuto mandar giù l’amaro boccone della bocciatura. I racconti delle figuracce coi parcheggi e le partenze in salita sono un classico. Ciò che è successo al neopatentato di Hemer non ha però paragoni. Non ha avuto neanche il tempo di festeggiare che la patente gli era già stata ritirata.

Un doppio record

È successo lunedì ad Hemer, una cittadina nella Renania Settentrionale-Vestfalia. Un diciottenne, subito dopo aver superato il tanto temuto esame di guida, ha voluto festeggiare invitando quattro amici a fare un giro in macchina. L’euforia è stata probabilmente troppa. Già 49 minuti dopo l’esame il diciottenne ha dovuto dire addio alla patente per eccesso di velocità. Ha attraversato il centro della città a ben 95 km/h, infrangendo il codice stradale e raggiungendo, secondo la polizia locale, il record giornaliero.

La troppa euforia costerà cara al neopatentato

Preso dall’euforia del momento, il diciottenne in compagnia degli amici è sfrecciato nel centro della città di Hemer, dove il limite di velocità è di 50 km/h. Adesso dovrà però pagare cara la bravata. Oltre a quattro settimane di divieto di guida, per lui sono previsti una multa di 200 euro e un ulteriore corso presso un’autoscuola. Inoltre, la Probezeit − il periodo di prova della durata di due anni previsto in Germania per i neopatentati − sarà per lui di 4 anni.

Leggi anche: Germania, scandalo patenti: migliaia di esami truccati con l’auricolare


Berlino Schule tedesco a Berlino

SEGUI TUTTE LE NEWS SU BERLINO, SEGUI BERLINO MAGAZINE SU FACEBOOK

Immagine di copertina: © Free-Photos, CC0

Leave a Reply