Berlino, nell’ex prigione una struggente mostra sui dissidenti sequestrati dalla Stasi

L’ex prigione della Stasi ospiterà una nuova mostra sull’attività della polizia segreta della DDR

Chi ha vissuto a Berlino negli anni della DDR avrà sicuramente sentito parlare almeno una volta dell’Hohenschönhausen, la prigione della Stasi dove molti dissidenti della Germania Est hanno trascorso settimane, mesi e in alcuni casi anche anni della loro vita. Dal 1994 il centro di detenzione è diventato un memoriale e a partire dall’autunno 2013 ospita una mostra permanente con fotografie storiche e oggetti che raccontato il passato di questa prigione. Una delle mostre attive in questo momento è Stasi in Berlin: Monitoring and repression in East and West, risultato di oltre due anni di ricerca e più di 10mila file analizzate. 

La mostra racconta le ultime ore di libertà dei dissidenti politici 

Una ricerca, quella che ha occupato i curatori della mostra, ha rivelato numerose storie di spionaggio e perseguimenti da parte della Stasi nei confronti di molti cittadini dissidenti di Berlino Est. L’esposizione permette ai visitatori di seguire i percorsi di singoli individui che hanno vissuto tra le mura dell’Hohenschönhausen: dalla sorveglianza al rapimento, fino all’arresto che poteva avvenire sia a Berlino Est sia a Berlino Ovest. «Abbiamo mappato tutti gli appartamenti che apparivano nei documenti della Stasi. Molti di questi li abbiamo dovuti ritrovare attraverso una ricerca autonoma perché la polizia segreta fece scomparire i documenti», ha raccontato alla DW Jochen Krüger, uno dei ricercatori che ha collaborato al progetto. 

La Stasi non agiva solo a Berlino Est

Le ricerche condotte per la mostra sottolineano quanto la presenza della Stasi fosse radicata sia nella parte est sia ovest del Muro. Prima della costruzione della barriera che ha diviso la città dal 1961 al 1989, si contano addirittura 400 casi di rapimento di dissidenti. Il visitatore potrà seguire queste storie direttamente sulla cartina di Berlino: per la mostra, infatti, è stata creata una mappa multimediale sulla quale il visitatore può camminare e raggiungere le locations usate dalla Stasi grazie all’aiuto di tablet. Questa mostra si presenta come un’occasione unica per conoscere meglio l’attività della polizia segreta di Berlino Est.  

Leggi anche: Berlino, la città delle spie: i luoghi ancora visitabili, i film, il museo. La guida


Berlino Schule tedesco a Berlino

RIMANI AGGIORNATO SU BERLINO, SEGUI BERLINO MAGAZINE SU FACEBOOK

Leave a Reply