9 mete nel nord della Germania per una gita fuori porta nella bella stagione

Con l’arrivo della bella stagione è praticamente impossibile chiudersi in casa. È tempo di riporre nell’armadio giacche invernali, sciarpe, guanti, berretti, maglioni e partire per un weekend di relax, magari nel nord della Germania.

Sicuramente il modo migliore per godersi le belle giornate è un breve viaggio lontano dal trambusto quotidiano della città. Anche se può sembrare una scelta “classica”, il nord della Germania ha molto da offrire. Per gli amanti delle escursioni, delle spiagge e del relax, di seguito riportiamo nove mete nella Germania settentrionale che noi di Berlino Magazine consigliamo per una breve vacanza fuori città.

Terra dei laghi del Meclemburgo

La Mecklenburgische Seenplatte (Bundesland: Mecklenburg-Vorpommern), regione settentrionale con alta densità di laghi formatisi durante l’era glaciale, è un sogno per coloro che amano andare in canoa o semplicemente rilassarsi in riva a un lago. I sentieri che circondano questi laghi sono perfetti per una passeggiata o una corsa in bici sulla pista ciclabile che conduce da Berlino a Copenaghen. I meno sportivi possono semplicemente stendersi in un prato accanto ad una delle tantissime e coloratissime case di pescatori e godersi il tramonto.

Mecklenburgische Seenplatte
© kasabubu CC0

Travemünde

Travemünde è un distretto della città di Lubecca, un posto perfetto per chi ama la spiaggia. Oltre ai diversi locali in cui rilassarsi sulla spiaggia, è possibile affittare una sdraio a soli 7,50€ al giorno e passare così del tempo a godersi un buon libro mentre si ammirano le navi in partenza dal porto. Chi non sa stare fermo può ovviamente divertirsi con i classici giochi da spiaggia come il beach volley oppure il calcetto. Non dimenticate però di portarvi una giacca a vento per precauzione: d’altronde siamo pur sempre in Germania.

Travemünde
© Nine LaMaitre CC BY-ND 2.0

Sankt Peter Ording

Abitata da appena 4000 abitanti, Sankt Peter Ording è una località balneare nel mare del Nord, facente parte della Frisa settentrionale e caratterizzata da una spiaggia lunga ben 12 km caratterizzata dalle dune tipiche di queste zone. Questa inoltre è l’unica località balneare tedesca con una sorgente sulfurea. Con inverni miti ed estati fresche, il clima dell’isola è l’ideale per chi ama lunghe passeggiate sulla spiaggia. In caso di meteo non propriamente estivo, nei piccoli caffè dell’isola ci si può rilassare con una bevanda calda e una fetta di dolce alle mele.

Sankt Peter Ording
© Paul D CC BY-NC-ND 2.0

Luneburgo

In tedesco Lüneburg, Luneburgo è una città della Bassa Sassonia. La sua brughiera è una delle più belle che la Germania ha da offrire ed i suoi boschi e prati sono il posto perfetto per escursioni in bici, a piedi o a cavallo. La primavera, quando la città è ancora relativamente poco frequentata da turisti, rappresenta il periodo migliore per visitarla. E quando il meteo non è dei migliori, si può sempre passare la giornata a rilassarsi alle terme. La cittadina di per sé è molto carina ed il centro storico è stato perfettamente ristrutturato. E grazie alla presenza di numerosi studenti universitari Luneburgo è ben fornita di pub, caffè e bar. La città è sede della fabbrica di caramelle Bonbon Manufaktur, dove i più golosi potranno acquistare dolciumi di ogni tipo da gustare mentre si passeggia per le strade medievali delle città.

Lüneburg
© Simon CC BY-NC-ND 2.0

Hiddensee

Isola tedesca sul Mar Baltico appartenente al Land Meclemburgo-Pomerania Anteriore, Hiddensee è quasi del tutto pianeggiante e raggiungibile solamente via traghetto. L’accesso alle auto è vietato. Chiamata dai suoi abitanti “la dolce piccola terra”, Hiddensee è molto apprezzata per le sue spiagge, in particolare amate da scrittori, pittori, attori ed intellettuali del XX secolo. Ai tempi della DDR quest’isola era popolata da hippie ed artisti che non trovavano un posto nella società dell’epoca. Questo spirito rivoluzionario caratterizza l’isola tutt’oggi, con spiagge nudiste e falò attorno a cui radunarsi per suonare e cantare. Sull’isola ci sono soltanto tre paesini: a nord troviamo Kloster, la comunità degli artisti, al centro è situata Vitte con il suo centro vivace e a sud troviamo Plogshagen per gli amanti del sole e della spiaggia. Essendo le auto vietate, fatevi prestare una bici per percorrere l’isola in lungo e in largo: vi ci vorrà solamente mezz’ora per girarla tutta. La sua natura incontaminata offre spettacoli unici: potrebbe addirittura capitare di imbattersi in un cervo o di sentire i cinghiali nella natura.

Hiddensee
© Axel Brocke CC BY-SA 2.0

Isola di Rügen

Accanto a Hiddensee si trova Rügen, la più grande isola della Germania situata nel Mar Baltico, famosa per le sue bianche scogliere, immortalate anche dal pittore Caspar David Friedrich, e per le coste caratterizzate da numerose insenature, baie e promontori. Con oltre 60 km di spiagge, quest’isola offre tutto quello che è necessario per alcuni giorni di relax: dalle lunghe passeggiate lungo la costiera contornata da pini e ville signorili, alle escursioni nei parchi nazionali dell’isola, agli idilliaci paesaggi di pescatori.

Rügen
© CC0

Isola di Sylt

Sylt è un’isola della Germania settentrionale facente parte delle Frisia Settentrionale (ne abbiamo scritto qui). Un tempo faceva parte della terraferma, ma a causa dell’erosione del Mare del Nord è ora diventata un’isola. Nonostante si tratti dell’isola più a nord della Germania, Sylt ha un clima marittimo che risente della corrente del Golfo. Questo piccolo paradiso vicino alla Danimarca vanta ben 40 km di spiagge bianchissime, case tradizionali con tetti in paglia e paesaggi mozzafiato. Sylt è una destinazione turistica molto nota per via delle sue boutique d’élite situate nelle tradizionali casette dal tetto di paglia e perfetta per chi ama gli sport acquatici. La costa occidentale dell’isola infatti è contesa tra velisti, surfisti ed amanti del kitesurf. È possibile raggiungerla in macchina o in treno attraversando il ponte lungo 11 km che la collega alla terraferma.

Sylt
© CC0

Helgoland

Helgoland è un piccolo arcipelago di sette isolette tutte caratterizzate da un clima piuttosto mite grazie all’influsso corrente del Golfo. La sua aria salubre, ricca di ossigeno e iodio, è un toccasana per tutti coloro che soffrono di problemi respiratori ed allergie. Ma quello che attrae ogni anno migliaia di turisti sono il paesaggio e la riserva naturale, che nonostante sia la più piccola della Germania, ospita non solo diverse specie di uccelli ma anche foche e leoni marini. Da non perdere le alte scogliere in arenaria rossa, la colonna di 47 metri (chiamata Lange Anna) che a causa dell’erosione si è stacca dalla scogliera ed i paesini con le tipiche casette colorate un tempo abitate da pescatori.

Lange Anna
© Dirk Vorderstraße CC BY 2.0

Isola di Usedom

Usedom un’isola situata al confine tra Germania e Polonia. La parte più grande dell’isola appartiene alla Germania (regione Meclemburgo-Pomerania Anteriore), mentre la parte più piccola, anche se più densamente popolata, a est alla Polonia. Grazie alle sue spiagge sabbiose, l’isola è un notevole polo di attrazione turistica. La città principale dell’isola è Heringsdorf, chiamata anche “la vasca da bagno di Berlino”, dove già più di 150 anni fa molti visitatori arrivavano per ammirarne la bellezza. Tra gli ospiti principali ci furono la famiglia imperiale, aristocratici, industriali ed artisti che costruirono le loro ville estive ispirate allo stile mediterraneo che tutt’ora caratterizzano la cittadina.

Usedom
© loewe.chr CC BY-ND 2.0

 

Banner Scuola Schule

SEGUI TUTTE LE NEWS SU BERLINO, SEGUI BERLINO MAGAZINE SU FACEBOOK

 Immagine in evidenza: Peace © André Hofmeister CC BY-SA 2.0

Iole Basello

Amo viaggiare, amo i cambiamenti, amo l'evoluzione. Mi stufo e mi annoio in fretta. Amo Berlino, ma amo anche il posto in cui sono nata e cresciuta. Dopo la prima esperienza all'estero mi risulta difficile rimanere ancorata alle mie origini per lunghi periodi e Berlino è per me una sorta di calamita. Una sorta di evasione dal mondo reale.

Leave a Reply