A rischio i murales di Blu? Berlino promuove una petizione, ecco come partecipare

Questa volta sono Blu e J-R a lanciare un nuovo quesito alla città di Berlino, un dilemma che creerà sicuramente un precedente: i murales, i graffiti possono essere ritenuti patrimonio culturale di dominio pubblico?
La petizione é on-line da qualche settimana, e ogni firma, si spera, riuscirà a salvaguardare due tra i più famosi murales di Berlino: ”Est e Ovest” e ”Handcuffs”, situati nella parte di Kreuzberg che confina con Friedrichshain e Treptow, in uno dei quartieri notturni e non, più movimentati e frequentati da giovani e turisti, dietro ai conosciutissimi Club der Visionaere, Chalet e Arena, nello spazio ancora verde tra i palazzi di Curvystrasse. Uno spazio che in estate, e nelle giornate calde berlinesi, è affollato di persone che prendono il sole sulla riva della Sprea, a due passi dai due enormi graffiti.

Blu è lo pseudonimo di uno street artist italiano, bolognese, le sue opere più conosciute risalgono al 1999, quando dopo aver finito l’accademia d’arte si cimentava a disegnare illegalmente sui muri del capoluogo emiliano. Ma solo tra il 2003 e il 2006, creando una sinergia con Ericailcane, Blu acquisisce una personalità forte e distinta, uno stile inequivocabile, mescolando la sua bravura rappresentativa a quella di Ericailcane, specializzato nella raffigurazione di animali. Amici da una vita, iniziano dal 2004 a ricevere offerte per esibire le loro opere in gallerie d’arte, ma Blu continua a prediligere e seguire la via della street art. I primi lavori a Berlino compaiono in collaborazione col fotografo francese J-R nel 2006, in occasione delle diverse manifestazioni legate ai festival Backjump e Planetprozess. 

I graffiti situati tra i due palazzi gemelli, uno di fianco all’altro, in Curvystrasse rimangono i più toccanti e significativi. “Est e Ovest”, due figure opposte, come fosse una carta di un mazzo di scala quaranta, che si tolgono la maschera a vicenda, e “Handcuffs”, la schiavitù del lavoro che scandisce il tempo, la vita. I graffiti non sono solo disegni sui muri, i graffiti sono comunicazione e godono dell’immediatezza del posto e di quello che un “semplice” disegno riesce a rappresentare.
L’etica di Blu è proprio quella della condivisione dell’opera d’arte, del messaggio non chiuso in musei e per determinati periodi di tempo, ma esposto davanti agli occhi di tutti e sempre.

Ed è questo ciò che rivendicano lui e le persone che lo seguono, che lo amano, che considerano Curvystrasse una tappa fissa per i berlinesi, per i turisti, per chiunque voglia ammirare la grandezza e la profondità dei suoi murales. Ancora una volta, come per la East Side Gallery, il progresso della Berlino che avanza e che la rende sempre più la capitale europea più ambita è controbilanciato dall’etica, che rimane il primo motivo che alla fine ha reso proprio Berlino cosí speciale.
Stavolta il progetto è la costruzione di un palazzo di lusso, destinato ad appartamenti per turisti e non. Il progetto si chiama Cuvryhöfe, è stato già approvato dal Senato cittadino ed è in mano alla Artur Suesskind, sicuramente non intenzionata a cedere e a cambiare destinazione e prospettiva edilizia per il suo piano. Quindi è al Senato che arriveranno le firme, e a lui spetta la conseguente decisione definitiva.

È un momento importante per Berlino, per quella che sarà la sua direzione futura, per l’arte che verrà riconosciuta e considerata come tale. Ma soprattutto per il rispetto dei residenti convinti che i due murales siano un pezzo di Berlino che non va cancellato e abbattuto.
A voi la scelta se contribuire con la vostra firma o meno.

Chiunque puó firmare la petizione sulla pagina ufficiale.

Leggi anche Crescono disoccupazione e caro-affitti. Ecco, a sorpresa, i due quartieri più poveri di Berlino

FOTO © Frank M. Rafik CC BY SA 2.0

Related Posts

  • Due dei simboli di Berlino, ovvero la coppia di graffiti realizzata dallo street-artist italiano Blu sulle facciate di altrettanti palazzi su Cuvrystrasse, a Kreuzberg, sono stati cancellati nella notte tra giovedì 11 e venerdì 12 dicembre. Brothers e Chain, questi i loro nomi, furono realizzati dall'artista marchigiano nel 2007 all'interno della grande…
  • Pensavamo davvero che sarebbe passato tanto tempo prima di ritrovare sul grande muro di Cuvrystrasse un nuovo murales? Ecco cosa è apparso nella notte al posto del grande vuoto nero lasciato dopo la cancellazione dell'arte di Blu a dicembre dello scorso anno. Berlino la conosciamo bene... o forse no. Forse…
  • Dopo Chain e Brothers a Berlino, anche Bologna: il celebre artista Blu, bolognese d'adozione e considerato da The Guardian tra i migliori dieci street artist al mondo, cancella volontariamente i suoi murales nel capoluogo emiliano, frutto di un lavoro ventennale. Nella notte tra venerdì e sabato, con l'aiuto di un gruppo di occupanti…
  • Il destino di Cuvrystraße, la strada di Berlino nota ai più per i murales di Blu cancellati dall'artista stesso in segno di protesta contro la gentrificazione, sembrava deciso: il progetto Cuvryhöfe prevedeva la costruzione di circa 250 appartamenti di lusso, oltre a numerosi uffici e negozi. Ma ora quel progetto,…
  • di Serena Savelli Le facciate degli edifici di Berlino sono divenute, negli anni, le tele ideali per artisti provenienti da tutto il mondo che hanno regalato alla città capolavori di street art di grande pregio. Tra tutte le zone, quella più permeata di opere di rilievo è senza dubbio Kreuzberg.…

One Response to “A rischio i murales di Blu? Berlino promuove una petizione, ecco come partecipare”

  1. domenico

    perchè dovremmo perdere ciò che di bello c’è ancora? al contrario..tuitela!!!

    Rispondi

Leave a Reply