Sostenitori di Trump: «Germania? Ormai è uno stato islamico. Guardate questo video»

Sulla porta di Brandeburgo sventola una bandiera tedesca con le effigi del Califfato. Sul Duomo di Berlino domina la mezzaluna. Durante l’Oktoberfest sono banditi alcolici e carne di maiale, e in tutta la Germania sono ammessi i matrimoni combinati. Non è lo scenario distopico partorito dalla penna di un sociologo allarmista, ma l’assurda provocazione di un video intitolato Welcome to the Islamic State of Germany (Benvenuti nello Stato islamico di Germania) e postato domenica scorsa su YouTube da Secure America, piattaforma digitale conservatrice che si propone di sensibilizzare l’opinione pubblica statunitense su questioni di sicurezza e che da molti è considerata vicina al candidato repubblicano Donald Trump.

Il filmato. Il video che è girato dalla prospettiva dei jihadisti e suona come un surreale invito turistico a visitare la Germania islamizzata, ha già totalizzato più di 700mila visualizzazioni e, come riporta Berliner Morgenpost, ha suscitato commenti preoccupati come «Prego per la Germania», o «Oktoberfest senza maiale e alcol? Ma cosa gli prende ai tedeschi, che permettono una cosa del genere?». Una voce di sottofondo spiega come, grazie all’opera di terroristi siriani infiltrati e del «nostro califfo Abu Bakr Al Baghdadi» la Germania è stata conquistata e convertita e i fedeli musulmani possono finalmente «godersi tutto ciò che il Paese ha da offrire». La Porta di Brandeburgo, una volta luogo di libertà, è ora il simbolo del potere islamista, mentre sul Muro, al posto dei colorati murales, campeggiano i volti dei martiri del jihad.

La campagna della paura. Il filmato, parte di una trilogia che comprende anche Stato Islamico di Francia Stati islamici Uniti, è stato realizzato per Secure America dalla texana Harris Media, la quale ha all’attivo campagne per diversi repubblicani americani, ma anche per il partito israeliano Likud e per i promotori della Brexit dell’Ukip. Vincent Harris, fondatore della società, ha dichiarato al Morgenpost di amare la Germania e di avere origini tedesche e ha difeso con orgoglio la «satira sottile» che pervade il video. Qualche mese fa, durante un suo discorso, Donald Trump aveva definito Hillary Clinton «l’Angela Merkel d’America» e valutato come «disastrosa» la politica di accoglienza tenuta dalla cancelliera.

Banner Scuola Schule

Related Posts

  • 52
    Jan Böhmermann è uno dei più importanti comici tedeschi, forse al momento il più conosciuto dopo una puntata del suo Neo Magazine del 31 marzo in cui appositamente offendeva  Recep Tayyip Erdogan per mettere in luce i paradossi della legge tedesca sulla satira e sul limite tra scherzo e offesa ad un…
    Tags: video, i, per, germania, america, trump, è, dei, come, donald
  • 44
    Angela Merkel saluta l'elezione di Donald Trump a presidente degli Stati Uniti d'America con un autorevole discorso, in cui le esigenze della diplomazia non si scindono da un messaggio politico molto chiaro: la Germania offrirà «stretta collaborazione» al nuovo presidente americano solo a patto che rispetti la dignità umana indipendentemente dalla provenienza, dal colore della pelle, dalla…
    Tags: trump, come, germania, i, donald, dalla, per, dei, america, è
  • 41
    Fa freddo, a Berlino, dopo la vittoria di Donald J. Trump alle elezioni americane. È il 9 novembre, la data che ha cambiato la storia della Germania e del mondo intero. Ricorrono 27 anni dal crollo del muro di Berlino che ha inevitabilmente segnato la storia della politica internazionale, distruggendo…
    Tags: per, è, come, trump, i, germania
  • 41
    Davanti all'ambasciata americana di Pariser Platz circa 650 si sono radunate per dimostrare la propria preoccupazione per l'insediamento del nuovo Presidente degli Stati Uniti Venerdì 20 gennaio, mentre a Washington il magnate americano prestava giuramento, la capitale tedesca ha è diventata teatro di una raccolta, ma comunque significativa azione di protesta.…
    Tags: è, per, trump, i, porta, come, donald, brandeburgo
  • 38
    «Qualcuno potrebbe organizzare un evento 'abbraccia un americano'? Perché molti di noi, in questo momento, hanno davvero bisogno di un abbraccio». Lo scrive sul gruppo Facebook Berlin Expats Bridget Buscemi Tunis, americana di Rochester emigrata a Berlino. Sul web, dopo la schiacciante - e per molti inattesa - vittoria di Donald Trump alle presidenziali…
    Tags: trump, germania

Leave a Reply